09.022017
Off
0

Tribunale di Milano, 17 luglio 2018, est. Martello, X (avv.ti Guariso, Neri e Bergonzi) c. Y

Sussitenza presupposti art. 69bis D.Lgs 276/03 – presunzione sussistenza rapporto di collaborazione coordinata e continuativa – opera – pattuzione di prestazione coordinata e continuativa – irrilevanza – assenza di specifico progetto – rapporto di lavoro subordinato – sussiste
quando ricorrono due dei presupposti di cui alle lettere a), b) e c) dell’art. 69bis, primo comma, D.Lgs 276/03 opera la presuzione ivi prevista e deve ritenersi sussistente un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, senza che assuma rilievo il fatto che vi sia stata o meno fra le parti la pattuizione di una prestazione caratterizzata da coordinazione e continuità; ne consegue che, laddove tale rapporto sia stato instaurato senza l’individuazione di uno specifico progetto, deve essere considerato come rapporto di lavoro subordinato sin dalla data di costituzione

Assenza di formale comunicazione di licenziamento – sussistenza di condotta espressiva della volontà di porre fine al rapporto di lavoro – licenziamento verbale – sussiste
il recesso datoriale deve qualificarsi come licenziamento verbale e, come tale inefficace, quando, indipendentemente dal mezzo utilizzato, non vi è una formale comunicazione di licenziamento (fattispecie relativa allo scambio di e-mail non contenenti alcuna espressione che potesse essere qualificata come licenziamento, ma il cui tenore complessivo evidenziava una volontà di porre fine al rapporto di lavoro non espressa in termini formali)“.


Tribunale di Milano, 21 dicembre 2012, est. Mariani, X (avv.ti Guariso e Marzolla) c. Y

La mera descrizione dell’attività lavorativa nel contratto di collaborazione rende il contratto illegittimo e il rapporto si considera di lavoro subordinato e a tempo indeterminato sin dalla data di costituzione.


Tribunale di Pavia, 19 febbraio 2010, est. Ferrari, N. (avv,ti Guariso e Cappelli) c. G.

Tribunale di Milano, 18 febbraio 2010, est. Colosimo, E. (avv.ti Polizzi e Pelzel) c. Hotel Corporation of Europe International Milano